UA-38565391-1

giovedì 15 ottobre 2020

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

Alla fine della mail e' presente

il link

cancellami dalla lista

per eseguire la cancellazione dalla mail list

DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE

MASCHERINE 


PER INFO E ORDINI RISPONDERE ALLA PRESENTE EMAIL CON NUMERO E REFERENTE PER IL CONTATTO OPPURE CONTATTARE IL SEGUENTE NUMERO TELEFONICO:     3929392859

PER ESSERE CANCELLATI DALLA MAIL LIST CLICCARE SUL LINK DI CANCELLAZIONE cancellami dalla lista

martedì 13 ottobre 2020

Settevene Palo - Cerveterana

Oggi, come promesso, continuando la mia attività di vigilanza sul territorio, insieme al collega Caldironi alla Mobilità e Viabilità, abbiamo effettuato un nuovo sopralluogo presso il cantiere della Settevene Palo (cerveterana), ed abbiamo appurato che pur con le condizioni atmosferiche avverse i lavori procedono. Con la speranza che le condizioni meteo ci regalino qualche settimana di bel tempo per “l’esecuzione dell’intervento di messa in sicurezza della parete rocciosa posta a monte della sede stradale tra il km 12+000 ed il km 13+000” a causa di dissesto. La ditta nel frattempo inizierà a lavorare sodo per ripristinare il manto stradale danneggiato.
Continueremo a vigilare affinchè ben presto si possa tornare alla normalità e restituire al territorio un’arteria automobilistica così importante.

Consigliere Metropolitano alla Tutela del Territorio 
Marco Tellaroli

I disastri di Bracciano altro che festeggiamenti, le spese relative al Capping della discarica di Cupinoro saranno a carico del Comune di Bracciano

Pubblicata la gara di appalto per i lavori di capping della discarica di Cupinoro a Bracciano. Le offerte dovranno pervenire entro il 16 novembre 2020, mentre il tempo di realizzazione degli interventi e di 400 giorni per un impegno finanziario regionale di circa 9 milioni di euro.

Il Sindaco Armando Tondinelli dichiara “Per trenta anni la città di Bracciano è stata legata alla parola discarica con un danno ambientale e di immagine per i cittadini.” bene ricordiamogli subito che, dall’aprile 2003 a gennaio 2007 è stato Assessore ai lavori pubblici del Comune di Bracciano con la Giunta Negri e Riccioni o forse l’ha dimenticato?

Comunque c’è poco da festeggiare caro sindaco, qui rischiamo la banca rotta – dichiara Marco Tellaroli consigliere metropolitano

L’impianto di smaltimento aveva esaurito le volumetrie disponibili nel 2014 e nel 2016 era stato approvato il progetto per la messa in sicurezza dell’impianto. Dopo il fallimento della società di gestione della discarica, decretato dal Tribunale di Civitavecchia alla fine del 2016, il Comune di Bracciano si trovava in piano di riequilibrio finanziario e non avendo le disponibilità tecniche ed economiche per la messa in sicurezza del sito ha chiesto alla Regione di esercitare i poteri sostitutivi.

Grazie alle richieste poste dalla giornalista locale Graziarosa Villani al commissario ad acta Peppino Palumbo, siamo venuti a sapere che le spese relative al Capping della discarica di Cupinoro saranno a carico del Comune di Bracciano così come stabilito dalla DGR 45/2017 “Fallimento Bracciano Ambiente Spa – attivazione potere sostitutivi nei confronti del Comune di Bracciano – Discarica di Cupinoro in Comune di Bracciano – Nomina Commissario ad Acta ai sensi dell’art. 191 del dlgs 152/16 e art. 13 L.R. 27/98” e successive Delibere”.

“E’ tuttavia doveroso – scrive ancora Palumbo – precisare che è pendente un ricorso al Capo dello Stato promosso dal Comune di Bracciano relativo all’annullamento di detta deliberazione nella parte in cui le spese vengono messe a carico dell’Ente ed pendente un procedimento per l’escussione delle polizze fideiussorie della Bracciano Ambiente Spa da parte della Regione Lazio”.

“Con la pubblicazione della gara si apre l’ultimo capitolo della storia dell’impianto di Bracciano: all’inizio del prossimo anno verranno avviati i lavori per la bonifica e il ripristino ambientale dell’area per poi restituirla alla gestione del Comune lacustre”, – dichiara Massimiliano Valeriani, assessore al Ciclo dei Rifiuti della Regione Lazio

La Regione Lazio, pertanto nell’ambito dei suoi poteri sostitutivi al momento sta solo anticipando le somme necessarie..

mercoledì 7 ottobre 2020

Bracciano, lavori in arrivo per il Paciolo e Braccianese

Approvato ieri in C.M. il pareggio di bilancio grazie all’impegno messo in campo dalla nostra maggioranza. Proficuo il “bottino” degli interventi per il nostro territorio braccianese, grazie ai seguenti stanziamenti:
– Bracciano S.P. 493 Braccianese – lavori di riqualificazione della pavimentazione stradale dal Km 30+000 al km 33+300 per un importo di 390.000,00 euro;
– Bracciano I.T.C. L. Paciolo sede Via Piave 22 lavori urgenti di rifacimento impermeabilizzazioni edificio principale e tinteggiature interne. Consolidamenti strutturali e ripristino dei cornicioni. Lavori di bonifica aree esterne, per un importo di 800.000,00 euro. Un altro punto messo a segno nella valorizzazione della nostra città a beneficio di tutti i cittadini.Il mio impegno continua con costanza e abnegazione per portare a “casa” altri traguardi importanti. Consigliere delegato Città metropolitana Marco Tellaroli.

venerdì 18 settembre 2020

#VOTATESI Al REFERENDUM

Quando Nilde Iotti sottolineava -già negli anni ’80- come il numero di 945 parlamentari fosse eccessivo alla luce della creazione delle Regioni (1970), del Parlamento Europeo, e di importanti corpi rappresentativi intermedi, buona parte degli italiani auspicava che le sue parole si trasformassero in realtà. Ma perché ciò avvenisse, benché praticamente tutte le forze politiche a turno si dicessero decise ad agire, è servito l’intervento del Movimento Cinquestelle. E’ bene ricordare che il taglio dei parlamentari su cui i cittadini si esprimeranno il 20 e 21 settembre, modifica un numero che NON venne deciso dai padri costituenti, ma da una legge di riforma costituzionale voluta nel 1963 dalla DC di Fanfanim che tradì le parole di Luigi Einaudi sostenitore dell’inefficienza di assemblee legislative troppo numerose. 



Chiunque abbia un minimo di confidenza con il parlamento, le commissioni, gli emendamenti e le problematiche che troppo spesso rallentano l’iter legislativo, sa benissimo che snellire non la democrazia, ma una macchina sovradimensionata ed inefficiente, farà solo bene all’Italia. Procedure più veloci e meno partitini che -come l’Udeur di Mastella fece con Prodi- possono far cadere un governo con soli 3 senatori. Sarà più difficile per i vecchi partiti candidare toscani in Sicilia, siciliani in Emilia o milanesi in Calabria, e soprattutto la riduzione renderà evidente la scandalosa condotta di tanti parlamentari campioni d’assenteismo e menefreghismo, che oggi possono contare sui “gregari” e disonorare il loro compito disertando le camere, ma che quando dovranno sudarsi la rielezione con un numero di seggi ridotto, saranno con ogni probabilità costretti a fare il lavoro per cui vengono profumatamente pagati: stare in parlamento, lavorare duro e seguire il territorio che li ha eletti. Facile smontare le risibili obiezioni di chi si batte per il NO: si invoca la “difesa della Costituzione” per una riforma chirurgica che riguarda SOLO il numero dei parlamentari, lasciando intatto ogni altro punto. Si dipinge come sfregio alla democrazia una legge votata dal 97,5% dei parlamentari in carica, che verrà confermata dal voto popolare: cosa c’è di più democratico? Si paventa di territori meno rappresentati, ma è una bufala palese: sarà obbligatorio dopo il sì ricalcolare i collegi per assicurare proporzionalità come prevede appunto la Costituzione. Si lamenta che non è stata prima scritta la nuova legge elettorale, ma sarebbe proprio una vittoria del NO a distruggere ogni speranza d’averla presto, mentre sarà automatico vararla dopo la vittoria del Sì. Sarà un bene, vista la totale inefficienza delle ultime 4, scritte col folle intento non d’assicurare rappresentatività e governabilità, ma di danneggiare l’avversario politico di turno. Il 20 e 21 settembre, insomma, i cittadini italiani avranno la grande occasione di partecipare in prima persona ad un nuovo capitolo del cambiamento in atto, e con la matita in mano dimostreranno come l’arma più potente contro ogni aberrazione non sono i talk-show pilotati o i giornali amici, ma la volontà popolare, la democrazia, la bellezza solare degli italiani, molto migliori delle cariatidi politiche che vorrebbero essere eterne e fermare ogni vento di novità.

Buon voto a tutti!


Disqus for Bracciano Movimento 5 Stelle