UA-38565391-1

lunedì 17 febbraio 2020

ENERGY BUSINESS E CONSUMER


IBERDROLA BUSINESS


PROMOZIONE PER CLIENTI BUSINESS


ATTIVANDO TRAMITE NOI (ENERGY BUSINESS ON LINE)


PREZZO BLOCCATO


POSSIBILITA' DI PREVENTIVI E SCONTI PERSONALIZZATI PER RESIDENZIALI E AZIENDALI


PER MAGGIORI INFORMAZIONI RISPONDA A QUESTA EMAIL LASCIANDO NOME E NUMERO DI CONTATTO DIRETTO E SARA' NOSTRA CURA CONTATTARLA IN TEMPI BREVI OPPURE PUO' CONTATTARCI DIRETTAMENTE AL NUMERO


3920062985


DALLE ORE 9:30 ALLE ORE 18:00 DAL LUNEDI AL VENERDI.


OFFERTE ANCHE PER CONSUMER


 


La informo che il suo indirizzo e-mail , unico dato in nostro possesso e'


stato acquisito ai sensi dell'art 12 legge 675/1996 e successive modifiche;


o attraverso adesioni dirette. Con l'attuazione del Regolamento


Europeo 679/2016 GDPR, qualora si richieda il diritto ALL'OBLIO; SI prega cortesemente di segnalare esplicitamente l'account email che


desidera far eliminare rispondendo con RIMUOVI alla presente


email.Sarà il diretto RESPONSABILE A provvedere alla cancellazione.


mercoledì 12 febbraio 2020

WINDTRE BUSINESS ON LINE

PROMO MOBILE TELEFONIA FISSA

BUSINESS

SUPER  OFFICE ONE

PROMO RISERVATA AI POSSESSOSRI DI PARTITA IVA

 

TUTTO INCLUSO SENZA SORPRESE



 FIBRA FINO A 1000MEGA

CHIAMATE ILLIMITATE VERSO FISSI E MOBILI IN ITALIA

100 MINUTI INTERNAZIONALI

MODEM WI FI INCLUSO

ATTIVAZIONE 5 EURO X 24 RATE

SERVIZIO DI ASSISTENZA E KASKO GRATUITA


ATTIVANDO TRAMITE NOI (WINDTRE BUSINESS ON LINE)

PREZZO BLOCCATO PER SEMPRE A 27,99 EURO PIU' IVA


  • POSSIBILITA' DI PREVENTIVI E SCONTI PERSONALIZZATI PER COMBINATO FISSO E MOBILE E PREVENTIVI PER RETI FISSE RESIDENZIALI E AZIENDALI

    PER MAGGIORI INFORMAZIONI RISPONDA A QUESTA EMAIL LASCIANDO NOME E NUMERO DI CONTATTO DIRETTO E SARA' NOSTRA CURA CONTATTARLA IN TEMPI BREVI

    OPPURE PUO' CONTATTARCI DIRETTAMENTE AL NUMERO 3921812101

    DALLE ORE 9:30 ALLE ORE 18:00 DAL LUNEDI AL VENERDI.

     

    La informo che il suo indirizzo e-mail , unico dato in nostro possesso e'

    stato acquisito ai sensi dell'art 12 legge 675/1996 e successive modifiche;

    o attraverso adesioni dirette. Con l'attuazione del Regolamento

    Europeo 679/2016 GDPR, qualora si richieda il diritto ALL'OBLIO; SI prega cortesemente di segnalare esplicitamente l'account email che

    desidera far eliminare rispondendo con RIMUOVI alla presente

    email.Sarà il diretto RESPONSABILE A provvedere alla cancellazione.

     

    Distinti Saluti

    venerdì 31 gennaio 2020

    Il consiglio dei ministri decreta lo stato d’emergenza per rischio sanitario per 6 mesi

    Il Consiglio dei ministri riunito a Palazzo Chigi ha decretato lo stato d’emergenza nazionale per rischio sanitario da Coronavirus per sei mesi. E ha deliberato uno stanziamento iniziale di 5 milioni di euro.
    Proprio ieri sono stati individuati i primi due casi del virus cinese in Italia. Si tratta di due turisti cinesi che sono stati ricoverati all'ospedale Spallanzani di Roma. La stanza nell'hotel in cui alloggiavano è stata sigillata.
    Sempre nella giornata di giovedì un autobus, scortato dalla polizia, si è diretto verso l’ospedale capitolino. Al suo interno un gruppo di turisti provenienti dalla Cina che con i due malati condividevano lo stesso tour operator: facevano parte della stessa comitiva. Stavano andando a Cassino ma sono stati intercettati e riportati a Roma per essere controllati.
    Lo stato di emergenza ai sensi della legge n. 225 del 1992 sulla protezione civile è un provvedimento del consiglio dei ministri in virtù del quale il governo esercita dei “poteri sostitutivi” degli enti locali in situazioni di particolare rischio. Con lo stato di emergenza si garantiscono interventi immediati a favore della popolazione e del territorio con mezzi e poteri straordinari. Si tratta di interventi che vengono decisi con ordinanze emanate dal capo della protezione civile in deroga alle disposizioni di legge. La prima ordinanza nomina il commissario delegato che avrà la responsabilità di gestire gli interventi necessari per superare la situazione di emergenza.
    Lo stato di emergenza non può durare oltre i 180 giorni, salvo proroga di altri sei mesi da parte del cdm. Consente lo stanziamento di un importo ad hoc per gli interventi di soccorso, di messa in sicurezza e di accoglienza. Lo stato di emergenza deve poi rispettare le disposizioni legislative e l’ordinamento giuridico. Allo scadere dello stato di emergenza viene emanata l’ordinanza di chiusura in cui si stabilisce il subentro dell’amministrazione in via ordinaria.

    Per sapere come bisogna comportarsi di fronte a questo rischio rappresentato dal Coronavirus il Ministero della Salute ha predisposto un elenco di domande più frequenti FAQ (Frequently Asked Questions), utile per tutti:
    1. Che cos'è un coronavirus?
    I coronavirus sono una vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS).
    2. Che cos'è un nuovo coronavirus?
    Un nuovo coronavirus (CoV) è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente mai identificato nell'uomo.
    3. Gli uomini possono essere infettati da un nuovo coronavirus di origine animale?
    Indagini dettagliate hanno scoperto che, in Cina nel 2002, SARS-CoV è stato trasmesso dagli zibetti agli uomini e, in Arabia Saudita nel 2012, MERS-CoV dai dromedari agli uomini. Numerosi coronavirus noti circolano in animali che non hanno ancora infettato esseri umani. Man mano che la sorveglianza migliora in tutto il mondo, è probabile che vengano identificati più coronavirus.
    4. Quali sono i sintomi di una persona infetta da un coronavirus?
    Dipende dal virus, ma i sintomi più comuni includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, l'infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte.
    5. I coronavirus possono essere trasmessi da persona a persona?
    Sì, alcuni coronavirus possono essere trasmessi da persona a persona, di solito dopo un contatto stretto con un paziente infetto, ad esempio tra familiari o in ambiente sanitario.
    6. Esiste un vaccino per un nuovo coronavirus?
    No, essendo una malattia nuova, ancora non esiste un vaccino e per realizzarne uno i tempi possono essere anche relativamente lunghi.
    7. Esiste un trattamento per un nuovo coronavirus?
    Non esiste un trattamento specifico per la malattia causata da un nuovo coronavirus. Il trattamento deve essere basato sui sintomi del paziente. La terapia di supporto può essere molto efficace.
    8. Cosa posso fare per proteggermi?
    Le raccomandazioni per ridurre l'esposizione e la trasmissione di una serie di malattie respiratorie comprendono il mantenimento dell'igiene delle mani (lavare spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche) e delle vie respiratorie (starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso, gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l'uso e lavare le mani), pratiche alimentari sicure (evitare carne cruda o poco cotta, frutta o verdura non lavate e le bevande non imbottigliate) ed evitare il contatto ravvicinato, quando possibile, con chiunque mostri sintomi di malattie respiratorie come tosse e starnuti.
    9. In particolare, per quanto riguarda il nuovo coronavirus identificato in Cina (2019-nCoV) cosa è raccomandato?
    Posticipare viaggi nelle aree colpite non strettamente necessari. Le aree a rischio della Cina sono consultabili nel sito dell'OMS.
    Se ci si reca in Cina, nelle aree a rischio, si raccomanda di vaccinarsi contro l’influenza stagionale almeno due settimane prima del viaggio. La vaccinazione antinfluenzale semplifica la diagnosi e la gestione dei casi sospetti, dati i sintomi simili tra Coronavirus e Influenza. Inoltre, riducendo le complicanze da influenza nei soggetti a rischio, aiuta a mantenere più efficienti i pronto soccorso.
    È raccomandato, inoltre, di:
    evitare di visitare i mercati di prodotti alimentari freschi di origine animale e di animali vivi
    evitare il contatto con persone che hanno sintomi respiratori
    lavare frequentemente le mani.
    Qualora una persona sviluppi sintomi respiratori (tosse, mal di gola, difficoltà respiratorie) mentre si trova nelle aree a rischio, dovrebbe rivolgersi immediatamente a un medico.
    Al ritorno, se non si è cittadini che vivono in Italia, per qualsiasi necessità contattare l’Ambasciata o il Consolato del proprio Paese.
    Se nelle due settimane successive al ritorno da aree a rischio si dovessero presentare sintomi respiratori (febbre, tosse secca, mal di gola, difficoltà respiratorie) a scopo precauzionale:
    contattare il numero telefonico gratuito del Ministero della Salute 1500;
    indossare una maschera chirurgica se si è in contatto con altre persone;
    utilizzare fazzoletti usa e getta e lavarsi le mani regolarmente.
    10. Gli operatori sanitari sono a rischio a causa di un nuovo coronavirus?
    Sì, possono esserlo, poiché gli operatori sanitari entrano in contatto con i pazienti più spesso di quanto non faccia la popolazione generale. L'Organizzazione mondiale della sanità raccomanda che gli operatori sanitari applichino coerentemente adeguate misure di prevenzione e controllo delle infezioni in generale e delle infezioni respiratorie in particolare.
    11. Dove si stanno verificando le infezioni da 2019-nCoV?
    Un cluster di casi di polmonite ad eziologia ignota nella città di Wuhan, nella provincia cinese di Hubei è stato segnalato, il 31 dicembre 2019, dalla Commissione Sanitaria Municipale di Wuhan (Cina) all’OMS. La maggior parte dei casi aveva un legame epidemiologico con il mercato di Huanan Seafood, nel sud della Cina, un mercato all'ingrosso di frutti di mare e animali vivi. Il 9 gennaio 2020, il Centro per il controllo delle malattie (CDC) cinese ha riferito che è stato identificato un nuovo coronavirus (2019-nCoV) come agente causale ed è stata resa pubblica la sequenza genomica.
    Sono stati segnalati casi di 2019-nCoV confermati in Cina e casi importati da altri Paesi del mondo (vedi nel sito OMS: situation report) Tra i casi sono stati segnalati anche decessi. Le autorità sanitarie cinesi hanno confermato la trasmissione da uomo a uomo al di fuori della provincia di Hubei e sono stati segnalati casi confermati anche tra gli operatori sanitari
    12. Quali sono i rischi di propagazione in Europa?
    La valutazione del rischio da parte dell'OMS è considerata molto alta in Cina, alta a livello regionale e globale.
    13. Come si contrae questo coronavirus?
    La trasmissione da uomo a uomo è stata confermata, ma sono necessarie ulteriori informazioni per valutare la portata di questa modalità di trasmissione . La fonte dell'infezione non è nota e potrebbe essere ancora attiva. Pertanto, la probabilità di infezione per i viaggiatori in visita a Wuhan che hanno uno stretto contatto con individui sintomatici è considerata moderata.
    14. Che fare se si è soggiornato di recente nelle aree a rischio?
    Se nelle due settimane successive al ritorno da aree a rischio si dovessero presentare sintomi respiratori (febbre, tosse secca, mal di gola, difficoltà respiratorie) a scopo precauzionale:
    - contattare il numero telefonico gratuito del Ministero della Salute 1500;
    - indossare una maschera chirurgica se si è in contatto con altre persone;
    - utilizzare fazzoletti usa e getta e lavarsi le mani regolarmente.
    15. Che fare se si è soggiornato in un ospedale in cui è stata ricoverata una persona malata?
    Il rischio di trasmissione esiste solo se si è stati in stretto e prolungato contatto con il paziente. I malati affetti da infezione da nuovo Coronavirus, inoltre, vengono ricoverati in ambienti separati dagli altri degenti. Sinora non è stata segnalata alcuna infezione da nuovo coronavirus contratta in ospedale o altra struttura sanitaria.
    16. Quali raccomandazioni dell'OMS per i Paesi?
    L'OMS incoraggia tutti i Paesi a rafforzare la sorveglianza delle infezioni respiratorie acute acute (SARI), a rivedere attentamente eventuali casi insoliti di SARI o di polmonite e a comunicare all'OMS qualsiasi caso sospetto o confermato di infezione da nuovo coronavirus.
    I paesi sono incoraggiati a continuare a rafforzare la loro preparazione alle emergenze sanitarie in linea con il regolamento sanitario internazionale (2005).
    17. Quale dispositivo di monitoraggio è stato introdotto per questo virus a livello nazionale?
    In Italia, è attiva una rete di sorveglianza delle gravi infezioni respiratorie acute (SARI) e delle sindromi da distress respiratorio acuto (ARDS).
    La situazione è costantemente monitorata dal Ministero, che è in continuo contatto con l’OMS e l’ECDC, e pubblica tempestivamente ogni nuovo aggiornamento sul suo Portale.
    18. Quale misura sanitaria specifica per i viaggiatori è stata avviata nel nostro Paese?
    Tutti i voli da Wuhan sono stati cancellati. Le celebrazioni per il capodanno cinese a fine gennaio aumenteranno il volume dei viaggi da / verso la Cina e all'interno della Cina, aumentando così la probabilità di arrivo di casi nell'UE.
    Su tutti i voli provenienti dalla Cina vengono effettuati controlli all’arrivo, che comprendono la misurazione della temperatura e la raccolta di informazioni dai cittadini.
    Le indagini sull’epidemia sono in corso e poiché si tratta di una situazione emergente e in rapida evoluzione, le informazioni verranno aggiornate ogni volta che vi siano informazioni rilevanti .
    È stato predisposto materiale informativo da affiggere negli aeroporti per informare i viaggiatori internazionali.
    19. Dove posso trovare altre informazioni sul nuovo Coronavirus?
    Il Ministero della Salute ha realizzato un sito dedicato: www.salute.gov.it/nuovocoronavirus e attivato il numero di pubblica utilità 1500.

    sabato 7 dicembre 2019

    “No ai rifiuti di Roma a Bracciano. -siamo sempre- Pronti a scendere in piazza” caro sindaco, l'abbiamo sempre fatto, come in passato.

    Manifestazione a Bracciano contro la discarica di Cupinoro 2014 MoVimento 5 Stelle e Comitati


    Non faccia l'ambientalista, perché se davvero gli interessava non avrebbe sostenuto Parisi nel 2018, visto che ancora oggi, dice e sostiene che, per smaltire i rifiuti nel Lazio bisogna bruciarli con i nuovi "Inceneritori" denominati Termovalorizzatori.

    Il sindaco pensi a far rispettare il mandato e il contratto al gestore privato del servizio di igiene urbana nella città di Bracciano, invece di occuparsi a fare dichiarazioni politiche. In particolare in molte zone vi sono ancora i secchioni della ditta precedente molti dei quali logori e non più idonei. Oppure il servizio del taglio dell’erba presso i cigli dei marciapiedi e tanto altro.

    A Bracciano non si passa e non è di certo Tondinelli che può chiamare le piazze, perché i CITTADINI di Bracciano, sanno difendersi da soli, come hanno sempre fatto anche in passato e che il tempo delle azioni di facciata è terminato: il metodo Polverini ci è ben noto e siamo più determinati che mai a difendere il nostro territorio.

    Quando ero ragazzo, ricordo che l’opposizione del centrodestra sui rifiuti durante le amministrazioni dei sindaci Rutelli e Veltroni era quella di chiudere immediatamente la discarica di Malagrotta e portare la ricchezza della mondezza nelle casse comunali piuttosto che nelle tasche di un privato. Andati a governare hanno fatto esattamente l’opposto. Hanno fatto quello che aveva fatto la sinistra. Nel senso che si è data immediatamente la proroga affinché la discarica continuasse a vivere. E evidentemente a qualcuno non era bastata la coda alla vaccinara o forse era terminata e hanno cercato qualche altro piatto, un po’ di trippa, un po’ di pasta e fagioli.

    "Oggi, tutti a prendersela con la sindaca Virginia Raggicome se fosse l’unica responsabile  dell’emergenza immondizia della Capitale. Ma pochi ricordano che in questo scenario disastroso ha un peso anche il fatto che, ad oggi, il piano rifiuti della Regione Lazio è ancora in alto mare. Si tratta di quel documento programmatico, la cui validità dura sei anni, in cui si mostrano i dati aggiornati, si predispongono gli obiettivi da perseguire e si cercano soluzioni ai problemi. Eppure di questo atto non c’è ancora traccia perché, al momento, ci si trova nella fase interlocutoria e di programmazione. Peccato che siamo già fuori tempo massimo. Eh già perché il piano attualmente in uso è quello varato nel 2012 dalla giunta di Renata Polverini  e che sarebbe dovuto durare fino al 2018 per poi fare spazio a quello di Nicola Zingaretti  per il periodo compreso tra il 2019 al 2025."


    Dai nostri Amministratori locali ci aspettiamo azioni a livello politico ed amministrativo finalizzate a migliorare la salute e l’ambiente cosa che non ha prodotto il modello Polverini.

    I Cittadini ci chiedono di lavorare per loro, non di sfidarci a chi strappa l'applauso per l'insulto migliore rivolto all'altro, senza fare nulla per mettere in campo soluzioni che migliorino il quotidiano vivere.

    Disqus for Bracciano Movimento 5 Stelle