UA-38565391-1

giovedì 19 novembre 2015

Il MoVimento 5 stelle e il Terrorismo



COME PUOI DIRE CHE CONTRASTI IL TERRORISMO SE STAI VENDENDO ARMI A PAESI CHE SOSTENGONO IL TERRORISMO? E' MOLTO IMPORTANTE, CONDIVIDETE!

"Siamo indignati e preoccupati che in una fase drammatica per l’Europa e per l’Italia, il PD - al posto di indicarci le sue soluzioni per contrastare il terrorismo - stia pensando solo ad attaccare il M5S strumentalizzando ogni nostra dichiarazione.
Il terrorismo per noi si sconfigge prima di tutto colpendolo nel portafogli e togliendogli benzina. E oggi la gran parte dei giornalisti italiani, sempre pronti a vivisezionare qualsiasi parola detta dal M5S, dimostra codardia nei confronti di Renzi. Quasi nessuno osa chiedergli spiegazioni rispetto agli affari che il nostro paese attraverso il governo sta facendo con quei Paesi responsabili direttamente o indirettamente del sostegno politico e finanziario allo stato islamico.


L'Italia sta per concludere un affare, la vendita di 28 cacciabombardieri Eurofighter al Kuwait, un Paese da cui provengono sostenitori dell'ISIS. Il presidente del consiglio ha da poco fatto visita all'Arabia Saudita, Paese a cui abbiamo venduto sistemi d'arma.

In un Paese libero, la prima domanda che un giornalista dovrebbe fare al Presidente del Consiglio è: "come puoi dire che contrasti il terrorismo se stai vendendo armi a Paesi che sostengono il terrorismo?"
Il carburante del fondamentalismo sono le armi e i soldi. Il governo la smetta di fare affari con chi finanzia l'ISIS.
Il carburante del fondamentalismo sono le armi e i soldi. Il governo la smetta di fare affari con chi finanzia l'ISIS.
Il doppio gioco di Matteo Renzi è un pericolo per l’Italia e la rende ancora di più un bersaglio dei terroristi. Il PD la smetta di occuparsi solo del M5S e inizi ad occuparsi di terrorismo!”

il M5S ha presentato un primo emendamento alla legge di stabilità per incrementare di 20 milioni di euro il finanziamento delle strutture di Intelligence.

Come puoi dire che contrasti il terrorismo se stai vendendo armi con quei paesi che sostengono il terrorismo?


Combatti il terrorismo e gli vendi le armi?






Vendere armi è sempre stato un affare di chi ce le aveva, quindi del mondo occidentale sostanzialmente. E si può pensare alla guerra Iraq-Iran dove per 5 anni abbiamo dato armi all'uno e all'altro perché si ammazzassero meglio e poi abbiamo deciso che l’Iran non doveva vincere. E allora abbiamo dato le armi solo a Saddam Hussein. Questo è il business occidentale. È il cinismo occidentale. 
L’Europa sa che l’Arabia Saudita finanzia l’Isis ma non prende provvedimenti come non li prendono gli Stati Uniti perché l’Arabia Saudita è un nostro alleato. In Arabia Saudita ci sono le basi americane, in Arabia Saudita c’è la sharia ma nessuno si è mai sognato di contestare questo sistema, mentre con a talebani e afgani gli stiamo facendo la guerra da 14 anni.
La forza dell’Isis sta nella nostra debolezza, da una parte ci sono uomini che vanno a morire come se fumassero una sigaretta e dall'altra c’è un Occidente che non ha più valori

I soldi dell'‪#‎Occidente nelle tasche dell'‪#‎ISIS
Quando vi dicono che l'Occidente sta combattendo il ‪#‎terrorismoislamico in nome della libertà, vi stanno raccontando una enorme balla. In realtà i Paesi occidentali fanno affari con tutti gli ‪#‎Stati del Medio Oriente sospettati di finanziare il terrorismo: l'ISIS si sostiene anche con i vostri soldi.


Il terrorismo che abbiamo visto a Parigi non viene dai migranti, viene da gente che vive qui, che magari è andata in Siria, in Iraq a addestrarsi ma sono cittadini belgi o francesi a tutti gli effetti. Credo che invece se si vuole fare la guerra all’Isis sul serio bisognerebbe mandare le truppe nel califfato invece di far fare il lavoro duro ai curdi e agli iraniani. Non è una questione di ridurre i diritti civili a zero per combattere il fenomeno Isis. Basterebbe fare una guerra reale all’Isis e forse lo si eliminerebbe, anche se l’Isis è un fenomeno complesso, lo vedo più come un’epidemia ideologica. Infatti si espande, è partito da lì ma si espande in Egitto, in Libia, in Bangladesh e ha una forte attrazione proprio perché questi hanno valori fortissimi, per sbagliati che siano, in confronto a mondi come il nostro che non ha più valori, ha delle formule, delle regole.
Purché si rispetti la legge è lecito a chiunque mantenere la propria cultura. Uno si può integrare o non integrare. 


Renzi: doveroso fare affari con chi finanzia l’ISIS





Sarah Varetto, a SkyTG24, lo mette un po’ sotto pressione. Mica tanto, solo una domanda ripetuta due volte, per non farlo scivolare via: “Noi abbiamo la certezza di non fare affari con chi sottobanco sta finanziando l’ISIS?“. E lui, dopo mezz’ora di intervista condotta con la solita sicurezza e quel tantino di boria cui siamo abituati, perde la lucidità e risponde che, a livello di Stato, l’Italia non fa affari con chi finanzia l’Isis, ma “che ci siano imprenditori che possano fare dei business in quei paesi mi sembra del tutto doveroso“.
Ah, sarebbe doveroso avere in casa affaristi che non si fanno scrupoli di alimentare quel terrorismo che poi viene qui a ripagarci con la nostra stessa moneta?
Poi Renzi si stupisce che per i paesi dell’area medio orientale sia difficile accettare di essere invasi: “Quando tu gli vai a dire che vai a esportare la democrazia, e per loro ‘esportare la democrazia’ è un concetto che si spiega meno bene… Si spiega male, diciamo la verità, rispetto a come si potrebbe spiegare in America o in Italia“.
Non l’avrei mai sospettato: comprendere le logiche della colonizzazione è semplice per i colonizzatori e un filino più complicato per i colonizzati. Logica stringente ed arguta!
Nel prosieguo del discorso, arriviamo al punto centrale: “La monarchia dell’Arabia Saudita non conosce le stesse regole che conosce la Repubblica Italiana rispetto alle modalità elettorali. Però questo non significa che io una settimana fa non fossi a Riad, non abbia parlato con il Re, con il Principe ereditario, con il vice-Principe ereditario“.
Ma lo sa, Renzi (che ha appena detto che a livello istituzionale l’Italia non fa affari con chi finanzia l’ISIS), che sono proprio gli USA ad avere certificato, nero su bianco, in un rapporto della loro intelligence datato 2012, che sono i loro alleati nel medio oriente a finanziare l’ISIS, e che loro non sono riusciti a farli smettere?
“Non siamo riusciti a convincere i nostri alleati nel medio oriente a smettere di sostenere gli estremisti in Siria“, recita il rapporto dellaDefense Intelligence Agency.
E a chi si riferiva, l’intelligence americana, se non certamente anche all’Arabia Saudita, che ha comprato 60 miliardi di armamenti dagli USA?
Fate leggere a Renzi questi documenti: “I documenti desecreatati Usa che raccontano la nascita dell’ISIS“.
Mandategli una mail, cliccate qui matteo@governo.it. Fatelo in tanti.

Oppure firmate la Petizione

STOP alla fornitura di armi all'ISIS

Disqus for Bracciano Movimento 5 Stelle