UA-38565391-1

martedì 4 aprile 2017

Tutto deve cambiare perché nulla cambi


Ieri 3 aprile alle ore 18:30 si è svolto un consiglio comunale


La discussione al secondo punto dell'ordine del giorno, era sulla: “Delibera di Giunta Comunale n. 2/2017 e 35/2017”.
A quanto abbiamo avuto modo di constatare, le reali problematiche sulla base delle quali la Giunta comunale, con la presenza degli Assessori “Rinaldi, Osimo, Felluca e Alimenti“, dichiarò di “essere ostaggio da parte di un cittadino”, non sembrano certo riconducibili allo specifico cittadino, così come non potrebbero esserlo per chiunque altro richiedesse di avere conoscenza di atti e documenti per fini giudiziari.
Infatti, come stabilisce anche l'art. 24 della nostra Costituzione che, “riconosce a tutti, sia come soggetto singolo che soggetto collettivo, il diritto di rivolgersi a un giudice per avviare un processo giudiziario a difesa dei propri diritti e dei propri interessi legittimi; se, invece, si viene chiamati in giudizio, si ha diritto alla difesa in ogni momento dell’iter processuale.”
Tale diritto viene, a nostro avviso, sicuramente violato nel momento in cui alcuni Responsabili di Uffici e di diversi procedimenti Amministrativi, nonostante siano in conflitto di interessi, impediscono non solo l’accesso all’avente diritto, ma anche ad un Consigliere Comunale, rendendo difficoltoso l’esercizio pieno di un suo dovere istituzionale: il controllo sull’operato dell’azione amministrativa. Infatti, il 17 gennaio 2017 con protocollo n.1856, il consigliere di minoranza Marco Tellaroli, richiedeva un accesso agli atti inerente alla copia del Fascicolo completo della Delibera, Registro n. 2 data 05/01/2017, chiedendo in tal modo copia di tutti gli atti che avevano portato alla formulazione della suddetta . Dopo la presa consegna degli atti, ad una prima analisi sono emerse cause e sentenze riguardanti alcuni piani di lottizzazione. Molti atti, ancorché legati a contenziosi fra il Comune,  con nomi di alcuni dipendenti e tecnici, ed il cittadino Arturo Cimaglia, proprietario di alcune sentenze e cause, presentano a nostro avviso rilevanti aspetti di interesse pubblico.
Altri documenti, invece, non erano presenti nel fascicolo della DGC n. 2/2017, così come mancavano i documenti relativi a violazioni che si riscontrano nei fascicoli per i quali si chiedeva l’accesso, quali ad esempio la falsa protocollazione del PdC 80/2003 o la Variazione del progetto convenzionato La Lobbra.
Per quanto riguarda invece dipendenti e tecnici esterni usati in passato dall’Ente, siamo peraltro venuti a conoscenza del fatto che, alcuni soggetti, sono indagati per reati commessi contro il Comune o condannati dalla Corte dei Conti per danno erariale e che alcuni di essi, nonostante tutto, ancora prestano servizio presso gli uffici del Comune, senza esser mai stati raggiunti da provvedimenti disciplinari, ed  altri, invece, sono addirittura stati promossi…. Possibile che, nonostante la pianta organica del Comune di Bracciano abbia in forza oltre cento persone, l’Ente finisca per “premiare” o comunque “considerare” solo alcuni mentre altri, certamente onesti fino a prova contraria, rimangono emarginati?
Le nostre domande in aula consiliare, si basavano proprio su tutti questi dati oggettivi, ovvero:
·         Come mai non viene rispettato il diritto di accesso agli atti e di avere conoscenza di atti e documenti per fini giudiziari, come sancito anche dall’art. 24 della nostra Costituzione, nonché dalle norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi?
·         Se i documenti sono in possesso di questa Amministrazione, si dovrebbero conoscere i fatti, quindi chiediamo a Voi, potete rappresentarceli compiutamente?
·         Se invece i documenti non sono effettivamente in possesso nemmeno di codesta Amministrazione, come può il Comune difendersi in sede Civile o Penale, come parte offesa, senza aver opportuna conoscenza e possesso degli atti? Costituendosi parte civile nei procedimenti, non si potrebbe incorrere in danno erariale, visto che non si ha opportunità di difesa?
·         Sono mai stati presi provvedimenti disciplinari nei confronti dei dipendenti “inadempienti”, o che abbiano commesso violazioni di legge?
Queste domande non hanno ottenuto risposta. Abbiamo assistito ad una scenetta, tra una parte della minoranza, e la maggioranza, e abbiamo assistito alla difesa della Giunta e del Vice Sindaco.
Dopo questo passaggio “difensivo”, abbiamo fatto notare un altro problema, inerente alla Delibera di Giunta Comunale n.7/2017 dove troviamo come oggetto: richiesta di patrocinio legale avanzata da un dipendente comunale- provvedimenti.
In questa delibera l’Ente, anche a tutela dei propri diritti ed interessi, ove si verifichi l’apertura di un procedimento di responsabilità civile o penale nei confronti di un suo dipendente per fatti o atti direttamente connessi all’espletamento del servizio e all’adempimento dei compiti d’ufficio, assumerà a proprio carico, a condizione che non sussista conflitto di interessi, ogni onere di difesa sin dall’apertura del procedimento, facendo assistere il dipendente da un legale di comune gradimento.
Proprio in questo caso vediamo trascritto che, “Si allontana il Vice Sindaco Arch. Gianfranco Rinaldi per incompatibilità sull’argomento.”
Anche qui, incuriosito dall’allontanamento del Vice Sindaco, il 2 marzo 2017 con protocollo n. 7697, il consigliere di minoranza Marco Tellaroli, richiedeva un accesso agli atti inerente alla copia del Fascicolo completo chiedendo, di nuovo,  tutti gli atti inerenti alla formulazione della suddetta Delibera. Dopo la presa in consegna degli atti, ad una prima analisi è emerso un procedimento, rgnr 4327/15, che vede tra gli indagati i dipendenti comunali Arch. Cecilia Sodano che richiede il patrocinio legale al Comune, il dipendente comunale Ing. Luigi Di Matteo, l’ex componente della Commissione Paesaggistica del 2013 Arch. Francesco Rinaldi e il progettista Arch. Massimo Cavalieri.
Mentre tentavamo di rappresentare anche questo problema, il Presidente del Consiglio ci richiamava all’ordine, chiedendoci di attenerci al punto all’ordine del giorno e togliendoci la parola. La cosa, a nostro avviso, è però legata del tutto all’attuale stato di “mancanza di serenità” dell’Ente, finendo per riflettersi, comunque, su aspetti rilevanti di interesse pubblico afferenti la sfera della garanzia della correttezza, trasparenza ed imparzialità dell'Azione Amministrativa.
Per farla breve, ci sono ancora una collezione di fascicoli giudiziari: Prato Giardino,  Montebello e La Lobbra. Ed ancora: dalla condanna a 1 anno e 8 mesi del Dottor Razzino - ai reati per la falsificazione del Protocollo Generale - gli articoli dei giornali come citato il 14 gennaio 2016 dall'associazione Salviamo Bracciano che recitava: vedono imputati Bianca Maria Alberi (Sviluppo Economico e Risorse Tributarie) rinviata a giudizio per aver reso false informazioni al P.M. insieme al dott. Giribono e alla dott.ssa Zito; sino ad arrivare alla condanna a 1 anno e 6 mesi dell’Ing. Luigi Di Matteo.
Sino ad arrivare alle problematiche, di una dipendente Comunale che dovrà essere reintegrata presso la P.A. del Comune di Bracciano.
La giustizia, in molti di questi casi, non ha ancora terminato il suo corso, e tutti sanno che nessuno è colpevole di nulla fino all’ultimo grado di giudizio.
Ma tutto questo, ci porta comunque a fare un raffronto su quella che risulta essere la condizione dei cittadini di Bracciano, prima e dopo il cambio di Governo del Paese.
Comprendiamo che la giustizia non ha ancora terminato il suo corso, ma nel frattempo, cosa è cambiato?
Ciò che avveniva con la precedente giunta avviene oggi con quella attuale. L’Amministrazione è, oggi come ieri, ancora “impantanata”, in molti casi lenta ed incapace di agire adeguatamente, “zavorrata” da situazione complesse che generano incompatibilità, conflitti e tensioni.
Ora la Giunta Comunale ha deliberato di volersi costituire parte civile nella prossima udienza innanzi al GIP, fissata per il giorno 18 aprile 2017, per il procedimento rgnr 127/11.
Ora una domanda sorge spontanea: i documenti saranno in possesso dell’Amministrazione?


Nel contempo, vorrei far presente che anche tra i lavoratori pubblici del Comune di Bracciano, la professionalità è alta molti di loro ce la stanno mettendo tutta per cercare di portare serenità garanzia della correttezza, trasparenza ed imparzialità. Quindi fare di tutta un'erba un fascio è sbagliato. Il nostro Comune si trova in queste condizioni, anche per colpa della politica, molti errori sono stati fatti per "il compiacimento dell'organo politico a cui è legato da un vincolo fiduciario". Quindi oltre ad essere onesti fino a prova contraria, la mia stima nel loro operato per il bene pubblico, rimane alta.
L'Onestà e la serenità, toneranno di moda.






Disqus for Bracciano Movimento 5 Stelle