UA-38565391-1

lunedì 24 agosto 2015

IL BUSINESS DELLE ANTIMAFIE

Il mafioso sai che è mafioso, da lui ti aspetti determinati comportamenti. Ma l'icona antimafia che si comporta da mafioso, o che ancor peggio ha contatti, amicizie, legami quello no, è inaccettabile. Perché crea un corto circuito che tutto mescola e tutto distrugge.

Il tutto all'ombra di fondi pubblici.





Il business dei falsi paladini. Scandagliando i registri di Regioni, Province e Comuni, in Italia si tocca quota 87mila di associazioni. Di queste 49.801 sono diventate onlus, si sono iscritte al registro dell'Agenzia delle entrate e hanno fatto richiesta di ricevere il 5 per mille dei contributi Irpef degli italiani. Oltre 2.000 dovrebbero essere antimafia a giudicare dal nome di battesimo che hanno scelto, legato ai personaggi che attraverso la lotta alla mafia hanno fatto grande il nostro paese. Così si trovano associazioni nate nel nome di Borsellino, di Falcone e di tanti altri. Molte rievocano intestazioni da codice penale "416bis" o "41bis". Poi ci sono altre, tantissime altre associazioni che agiscono all'ombra di quelle grandi e piccole organizzazioni virtuose e realmente operative. Prendendo soldi dagli iscritti all'associazione (contributi volontari si legge negli statuti, laddove sono pubblicati), oppure dallo Stato con richieste di alloggi o di progetti da finanziare. Tradotto in soldi: migliaia e migliaia di euro che non si sa dove finiscono, visto che moltissime di queste associazioni non hanno mai pubblicato in rete i loro bilanci. 

Eppure, nei vari territori in cui operano, si continuano a spacciare per comitati o coordinamenti "contro tutte le mafie". Poi però, seguendole attraverso i social network o nei dibattiti pubblici, si scopre che tutto fanno tranne contrastare le mafie. Così capita di leggere anatemi contro Saviano, insulti a presidenti di municipio tacciati di essere denunciati per mafia quando la notizia è destituita di ogni fondamento, attacchi strumentali al partito che governa quel territorio, fino a scoraggiare le persone dal fare nomi e cognomi di clan malavitosi perché "le denunce non siamo noi a doverle fare", o anche a gettare ombre sulle associazioni antimafia serie che operano sul territorio. Ma di comunicati antimafia neanche l'ombra. Quasi sempre, quando si indaga sui personaggi che le governano, ci si accorge che a farne parte sono persone che non hanno sfondato in politica e che tentano di riavvicinarsi alla poltrona attraverso l'Antimafia. Oppure persone allontanate dalle forze dell'ordine che sotto lo stendardo dell'associazionismo antimafia, sfilano in marce per la legalità al fianco di personaggi collusi con la criminalità organizzata oppure hanno ricevuto locali per la sede di associazioni da presidenti di provincia rimossi dall'incarico e condannati per abuso di ufficio 

Una realtà allarmante su un tema delicatissimo.

"L'ANTIMAFIA SI FA SENZA SOVVENZIONI PUBBLICHE, SI FA ANCHE ANDANDO A FARE DOPOSCUOLA GRATUITAMENTE NELLE SCUOLE, FACENDO VOLONTARIATO ANDANDO NEGLI OSPEDALI AD AIUTARE GLI ANZIANI ABBANDONATI DALLE FAMIGLIE, ANDANDO A DONARE IL SANGUE, SI FA INDIGNANDOSI CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHE NON FA IL PROPRIO DOVERE. NON C’È BISOGNO DI CHIEDERE SOLDI".

Disqus for Bracciano Movimento 5 Stelle