UA-38565391-1

venerdì 27 dicembre 2013

Perche' il MoVimento 5 Stelle e' destinato a governare questo paese”

"2014: Perche' il MoVimento 5 Stelle e' destinato a governare questo paese”
(by D.Barillari, M5S Lazio, 27/12/13)

Siamo a quasi un anno dall' ingresso del MoVimento 5 Stelle nelle istituzioni, con il 25% dei consensi. Il MoVimento 5 Stelle ha vinto le sue prime elezioni nazionali, nella ormai storica primavera 2013. E fin da quel primo giorno nel quale siamo entrati dalla porta principale, in Parlamento, nei Consigli Regionali e nei consigli municipali, e' in atto una vera e propria guerra senza esclusione di colpi. In guerra con la stampa, che dopo aver minimizzato per mesi l'intensita' di diffusione del fenomeno 5 stelle, oggi coglie ogni occasione per deriderci e screditarci. In guerra con il complesso sistema burocratico delle macchine amministrative, che prima ci strizzano l'occhio accogliendo la ventata di novita' che loro stessi hanno tanto atteso e desiderato, e poi ci ostacolano deliberatamente e volutamente perche' il M5S rompe schemi clientelari e favoritismi. In guerra con tutti gli altri partiti, che hanno ben compreso la forza della nostra incorruttibilita', e quindi si rendono conto della inevitabile e veloce deriva dei loro stessi apparati, conseguenza della nostra costante azione politica di “esempio positivo” oltre che di denuncia, per altro a costo zero.
Appare evidente a molti che il sistema partitico italiano sta per andare in crack down, anche se l'immagine mediatica che trasmette questa classe politica attraverso i propri potenti mezzi di comunicazione e' ancora di granitica stabilita', proprio grazie alla necessita' delle larghe intese e all'emergenza sbandierata ad ogni occasione dell'unita' nazionale per evitare il default.
Ma il default economico, morale, politico, c'e' gia' stato da tempo senza che ce ne rendessimo conto.
E quindi il crack down di tutto il sistema e' ormai assolutamente inevitabile.
Perche' e' inevitabile.

Perche' abbiamo introdotto in questi primi 10 mesi dei germi incompatibili con il sistema stesso. E il virus dilaga nei gangli vitali del sistema.
Li travolge, li modifica irrimediabilmente, li trasforma.
Nulla e' piu' come prima dopo che il M5S ha iniziato ad accedere le webcam nei consigli comunali, dopo che il M5S ha messo in rete documenti e fatture, dopo che ha controllato dove nessuno ha mai avuto il coraggio di controllare. E come un wikileaks a livello globale, sta procedendo senza fermarsi di fronte alle lobby e ai potenti di turno. Questo in Italia non e' mai avvenuto, ed e' per questo che il virus e' inarrestabile.
Il virus si sta diffondendo perche' chi ha inoculato il virus nel corpo malato e incancrenito della politica, e' esso stesso immune.
Il MoVimento 5 Stelle ha rinunciato a 2 cose: potere e soldi. I due elementi con i quali il sistema ha comprato tutti i precedenti oppositori. La Lega, una delle prime forze antisistema che e' diventata ben peggio dei “ladroni” contro i quali sbraitava dalle montagne. Ma anche l'IDV, i Verdi e i Radicali. Tutte queste esperienze di “rivolta” contro l'ingordigia e il malaffare dei partiti sono state avvicinate, lusingate, inglobate e poi zittite.
E sono finite nel calderone del Partito Democratico, perdendo la loro identita'.
I leaders di questi partiti non sono riusciti a andare oltre se stessi, e intorno alla loro figura carismatica e' salito e poi asceso il consenso (Di Pietro, Pannella, ecc).
Li hanno comprati, perche' loro non hanno posto alte barriere alla logica dell'inciucio, dell'interesse privato in atti pubblici, dell'ingordigia del potere assoluto. Invece hanno accettato di essere comprati giorno dopo giorno, azione dopo azione, e in contemporanea hanno volutamente firmato compromessi e assegni in bianco sempre piu' pesanti per la loro coscienza ormai sporcata per sempre.
Il MoVimento 5 Stelle non e' paragonabile a nessuna forza di opposizione precedente.
Il dna e' alieno. Ne' destra, ne' sinistra. Difesa dei beni pubblici, dei diritti, del lavoro, della Costituzione. Votiamo in base agli interessi dei cittadini, a prescindere da chi propone un'idea. Se e' buona l'appoggiamo.
Siamo alieni in politica perche' fin dal primissimo giorno abbiamo rifiutato lo scambio di poltrone, abbiamo rifiutato la strizzatina d'occhio che ci convinceva a mangiare dalla loro stessa torta. E in tutti questi mesi non ci siamo mai, mai, seduti al tavolo per spartirci la ricca torta della politica, non abbiamo accettato nessun invito. Ripetutamente, con caparbieta'. E loro si sono addirittura offesi per il nostro diniego.
E ne paghiamo le conseguenze, ogni giorno.

Il NO del M5S e' stato denunciato dai giornali come inesperienza, stupidita', perdita di occasioni uniche ed irripetibili. Ma questo NO ha destabilizzato e spiazzato (forse davvero per la prima volta) tutti quei poteri finanziari ed economici che grazie al compromesso destra/sinistra maneggiano da sempre questo paese, attraverso i partiti. Il nostro modo di votare in aula in base al “buonsenso comune” e non per fede ad uno schieramento tradizionale, ha spiazzato tutti quei trafficanti di voti e di pseudo principi che hanno approfittato dell'ipocrisia delle differenze politiche in tutte le sue forme.
Noi portavoce del MoVimento 5 Stelle non siamo ricattabili e influenzabili. Questo e' il punto centrale che ci rende diversi da loro ed impermeabili alla corruzione partitica mafiosa delle lobby di qualsiasi tipo e colore.
E se non siamo scesi a compromessi per rinunciare alla sete di POTERE, il secondo punto critico sono stati i SOLDI.
Dal primo giorno abbiamo rinunciato tutti, chi in regione e chi in parlamento, a buona parte del nostro stipendio. 2700 netti al mese invece che 8000, 10000, 12000. Tutti i giustificativi in rete, in modo trasparente. Abbiamo rinunciato a milioni e milioni di rimborsi elettorali, restituiti ai cittadini. Una vera e propria rivoluzione in politica.
Qualcuno che restituisce volontariamente i soldi, invece che intascarseli!
Anche questa mossa, mai fatta da nessun partito in passato, ha messo in crisi il sistema che e' generoso con chi abbassa la testa, generoso con chi distoglie lo sguardo, generoso con chi sbraita e urla pubblicamente nei talk show ma poi spente le telecamere rientra nei ranghi e non fa nulla per cambiare.
Abbiamo rinunciato ai soldi e quindi al ricatto dei soldi da parte di chi vuole comprarti grazie ad essi.

Ma siamo stati derisi per le nostre rinunce, dagli stessi partiti che invece intascano tutto fino all'ultimo euro.
E ancora una volta noi non siamo caduti nel ricatto mediatico, nella trappola dei salotti televisivi, nell'ipocrisia del compromesso di chi predica bene e razzola male. Per questo motivo tutti i giornali di partito cercano attraverso ogni loro articolo, quotidianamente, di convincere gli italiani che nonostante tutto quello che fa il M5S, siamo comunque uguali e corrotti peggio di tutti gli altri.
Ma la disinformazione ha un limite, e siccome questo limite e' stato travalicato da tempo, gli italiani sentono ormai puzza di bruciato ovunque. Non sono stupidi e si accorgono che tv e giornali sono diventati solo gossip perche' pagati da chi ha interesse a rappresentare una realta' sfalsata, che fa comodo solo a chi ha il potere.
L'orchestra del Titanic continua a suonare, mentre il disagio sociale, la poverta' e i soprusi aumentano. Mentre i diritti dei lavoratori vengono calpestati. Mentre la cultura, la sanita', i servizi pubblici... tutto va nella direzione della privatizzazione, grazie all'accordo dei partiti di maggioranza, Pd e Pdl.

Nel 2014 l'obiettivo per il M5S non solo e' resistere, ma rafforzarsi.
Dobbiamo continuare a non sporcarci le mani, dobbiamo difenderci da tutte le mille forme di lusinghe del sistema con le quali ci bombardano costantemente. Non tutti ce la faranno a non scendere a compromessi. Non tutti i singoli resisteranno fino alla fine, ma il MoVimento 5 Stelle ce la fara'. Senza dubbio.
Continueremo a proporre mozioni, progetti di legge, interrogazioni per svelare la realta' e poter portare avanti solo e soltanto gli interessi collettivi.
Continueremo a prepararci per le prossime elezioni di maggio 2014: le comunali e le europee. Il MoVimento 5 Stelle deve rafforzarsi come forza di governo e allo stesso tempo lanciare l'ultima sfida per indebolire una volta per tutte il consenso clientelare che ancora esiste intorno ai vecchi partiti e che li lega con una corda che si stringe sempre di piu' non sul loro collo, ma su quello dei cittadini che ancora li votano.

Il riposizionamento di governo per il M5S nel 2014 sara' il secondo passo strategico chiave, dopo l'entrata nelle istituzioni della primavera 2013.
E' per questo che possiamo vedere all'orizzonte, oltre, un'Italia diversa. Che ha il coraggio di riprendere in mano il proprio futuro. Un'Italia che butta nel cesso questi 40 anni di partitismo che hanno affamato ogni classe sociale e svuotato tutte le nostre tasche.
Noi siamo oltre. Lo abbiamo visto a Genova, lo vediamo in ogni intervento che facciamo in aula. Lo vediamo negli occhi spiritati dei rappresentanti degli altri partiti che si azzuffano tentando di screditarci inutilmente.
Loro sono morti, e lo sanno. Cercano di tirare avanti, ancora con l'arroganza di chi ha la maggioranza e decide autoritariamente senza coinvolgere i cittadini, illudendoli con tutta la forza mediatica ed economica che ancora hanno.
Ma il processo e' inarrestabile: a noi primi cittadini a 5 stelle nelle istituzioni ne seguiranno altri, ancora piu' convinti e ancora con piu' esperienza.
Oggi noi portavoce al primo mandato siamo i pionieri del MoVimento 5 Stelle nelle istituzioni. A noi seguiranno molti altri, cresciuti con ancora piu' repulsione al sistema di potere e di corruzione al quale noi siamo esposti ogni giorno. I secondi impareranno dai primi, e via verso un'esperienza collettiva tramandata oltre l'intelligenza dei singoli.
Senza necessita' di creare filtri o strutture gerarchiche. Senza leader che possano emergere per puro protagonismo, ma in una rete orizzontale dove ogni portavoce eletto dalla rete possa esprimere la propria personalità secondo le proprie competenze.
Il MoVimento 5 Stelle è l'unica forza attuale di opposizione, e l'unica speranza rimasta all'Italia.
Cresceremo e diventeremo presto maggioranza. Governeremo questo paese. Non per sostituirci a loro, come la Storia insegna avviene dopo ogni rivoluzione sociale e culturale di rilievo.
Governeremo per fare in modo che nessuno diventi piu' come loro, che nessuno piu' possa abusare dei conflitti di interesse, che nessuno possa piu' approfittarsi della costituzione, delle leggi ad personam, dello sfruttamento e della vendita dei beni pubblici. Che nessuno possa piu' approfittarsi della fiducia degli italiani e compromettere le generazioni future senza pagarne le conseguenze.
Che nessuno possa piu' abusare del potere quasi assoluto dato dai cittadini ai propri rappresentanti nelle istituzioni, che nessuno possa piu' andare in politica per fare carriera, per fare soldi, per sistemarsi i propri interessi personali.
Stiamo inculcando semi di democrazia diretta in un sistema fondato sulla democrazia rappresentativa che per decenni ha abusato del proprio potere.
Il MoVimento 5 Stelle sta presentando in ogni consiglio regionale e nelle camere, disegni di legge che porranno nuovi paletti per non poter piu' rubare o approfittare della cosa pubblica.
In modo che non si possa piu' tornare indietro.
Per questo siamo cosi' pericolosi. Perche' non siamo un movimento di protesta temporaneo, fine a se' stesso, come i giornali per tanti mesi ci hanno dipinto. Siamo pericolosi perche' stiamo invertendo per sempre la tendenza del sistema ad autodistruggersi, riformando il senso stesso di democrazia rappresentativa dando potere in basso, ad ogni singolo cittadino che sara' in grado di decidere il proprio futuro.
Nella Regione Lazio il Gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle ha gia' dimostrato di poter affrontare e influenzare il bilancio regionale e molte delle leggi in discussione proposte dalla giunta Pd.
Abbiamo presentato decine e decine di interrogazioni urgenti, mozioni che affrontano i problemi della regione in tutti i campi, proposte di leggi che cambierebbero la nostra regione solo con la loro approvazione, ma il 90% di esse e' in attesa di discussione (volutamente e colpevolmente lasciate ad ammuffire), oppure direttamente portate in aula per bocciarle praticamente senza alcuna motivazione. Ma noi continueremo fino all'ultimo giorno, senza mai fermarci.

Il Consiglio regionale del Lazio, come il Parlamento, e' lo specchio dell'Italia e di come una forza innovativa di propulsione, quale e' il M5S, continua a fare proposte costruttive e propositive ma viene bloccata in ogni modo.
Il 2014 sara' l'anno nel quale il MoVimento 5 Stelle avra' maturato l'esperienza necessaria sia per andare in Europa e sia per governare l'Italia.
Senza dover rinunciare a nulla di quello che abbiamo costruito in questi primi mesi di “test” nelle istituzioni, ma migliorando ancora di piu' la nostra comunicazione interna ed esterna, rafforzando la collaborazione fra i portavoce M5S nei diversi livelli istituzionali e finalmente aprendo un canale efficace, diretto e bidirezionale fra i cittadini e i loro portavoce.
Questa e' la grande prova che ci aspetta nel 2014.
Non solo un maggiore radicamento sul territorio, tramite una rete ancora piu' efficace ed efficiente di meetup in coordinamento e comunicazione fra loro (aumenteremo non solo il numero ma anche l'efficacia delle assemblee generali regionali come momenti collettivi di discussione nel M5S, oltre al confronto quotidiano fra noi che gia' avviene in rete), ma con un rafforzato rapporto fra portavoce (stabiliremo migliori procedure di condivisione delle proposte di legge e di scambio di informazioni fra i livelli comunali, regionali e nazionali) e fra portavoce eletti e cittadini (con il parlamento elettronico online avvieremo strumenti di vera democrazia diretta per poter facilitare la scrittura di leggi e proposte partecipate dal basso, da portare direttamente nelle istituzioni).
Stimoleremo la diffusione di canali di comunicazione 5 stelle di massa, che siano giornali cartacei o webtv/webradio. Torneremo nelle strade e nelle piazze con i nostri banchetti per sederci a parlare con la gente (il modello “agora'”). Faremo ancora piu' visite ispettive negli ospedali e nelle strutture sanitarie convenzionate, lavorando a stretto contatto con il Comando della Guardia di Finanza e le altre autorita' competenti.
Miglioreremo ancora di piu' i nostri forum e i nostri luoghi virtuali di discussione, trasformandoli sempre piu' in momenti reali di incontro e confronto (il modello dei tavoli di lavoro regionali, delle commissioni parallele, le assemblee cittadine, di quadrante, regionali).

La sfida e' enorme, ma ce la possiamo fare.
Insieme.
Oltre le polemiche interne dei meetup in lotta fra loro, oltre le critiche pretestuose di chi dall'esterno ci accusa senza nemmeno conoscerci, oltre la vergognosa e costante disinformazione dei media.
Dobbiamo andare OLTRE: per noi stessi, per i nostri figli, per l'Italia.
OLTRE. A riveder le stelle, nel 2014.

Buon 2014 a 5 stelle a TUTTI e a TUTTE.

Il momento piu' buio della notte e' un attimo prima dell'alba.
Il 2014 sara' il nostro anno.
Il migliore di tutti.
Un anno a 5 stelle.

Disqus for Bracciano Movimento 5 Stelle