UA-38565391-1

martedì 24 giugno 2014

Conferenza Stampa Comunale del 23/06/14, per il salvataggio dell'Ospedale Padre Pio

Poliambulatorio Ladispoli

Conferenza Stampa Comunale del 23/06/14, per il salvataggio dell'Ospedale Padre Pio , fatta di Parole di Vuoto e Nulla. 
Campagna elettorale finta contro Presidente Zingaretti, definito dal Sindaco Sala e il Parlamentare Minnucci: " Distratto " .
Mentre l'unico vero problema è il lato economico, mal distribuito e pieno di continui sprechi, data la mancanza di un vero Piano, che possa convivere con i tagli della spending review.
Nella Sanità non deve prevalere ne l'impatto politico ne tanto meno quello d'interessi imprenditoriali. Siamo alla solita storia all'italiana.
Un'altro grande spreco economico, per la struttura ospedaliera di Bracciano è il Poli Ambulatorio di Ladispoli in via Aurelia, che detrae ulteriori energie economiche e personale. Dove il Poliambulatorio farà un nuovo ed importante passo in avanti, con l'aggiunta di una Casa della Salute . Una struttura fortemente voluta dall'Amministrazione comunale di Ladispoli che sarà attiva all'inizio dell'autunno e che permetterà da un lato di avere sei posti per la degenza breve, dall'altra l'integrazione per i servizi sociali e assistenziali. Il tutto sulle spalle del Padre Pio. Ora, per poter migliorare e per poter salvare la struttura, dovranno intervenire il Sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino e il Consigliere della Regione Lazio, Davide Barillari. Partendo proprio da una revisione del Bilancio, e un controllo delle gare d'appalto.

Inoltre, perché scagliarsi contro il responsabile della ASL Roma-F per la chiusura dell'Ospedale Padre Pio di Bracciano. L'Amministrazione del Presidente della Regione Lazio, il Nicola Zingaretti, testimonia che non è cambiato nulla, rispetto alle politiche della Berlusconiana Renata Polverini.

Qui la Diffida del Sindaco Sala >http://www.halleyweb.com/c058013/po/mostra_news.php?id=219&area=H&x


La Regione Lazio è sottoposta a commissariamento dal 2007. Ciò in ragione dei disavanzi sanitari accumulati, in particolar modo nell'ultimo quindicennio. Solo nel 2006 il disavanzo sanitario ha raggiunto la cifra 1.971 milioni di euro (quasi 2 miliardi di euro)
quanto stabilito dal decreto dal n. 80 del 30 settembre 2010, recante "Riorganizzazione della rete ospedaliera della regione Lazio", il programma operativo 2013 - 2015 stabilisce la riconversione, tra gli altri, di alcuni nosocomi della provincia di Roma. Tale riconversione, motivata da esigenze, finalizzate all'ottimizzazione dell'intera offerta sanitaria regionale nonché da necessità di razionalizzazione della spesa sanitaria, incontra il serio rischio di operare una vera mancanza di un equo criterio distributivo, soprattutto in campo sociale, economico e finanziario, quando non una seria inadeguatezza, dell'offerta di prestazioni e servizi sanitari, con specifico riferimento al programma operativo 2013 - 2015, in particolare in merito alle strutture ospedaliere di Bracciano (ospedale "Padre Pio") afferente alla ASL Roma F. La riorganizzazione della rete ospedaliera esporrebbe i numerosi comuni aventi questa struttura ospedaliera di riferimento, al rischio di un vuoto assistenziale che, ove si realizzasse, pregiudicherebbe gravemente il diritto alla salute, riconosciuto e garantito dall'art. 32 della Costituzione. Una simile riorganizzazione produrrebbe una grave e ingiustificata carenza assistenziale, soprattutto per quanto riguarda l'offerta ospedaliera legata ai sevizi di emergenza e urgenza, a nord ovest della provincia di Romana. Che mantiene un Bacino di utenti locali, di circa 140,000 persone. Ma come da sentenza del Consiglio di Stato n. 0342/2012, sarebbe difficoltoso raggiungere altre mete diverse dall'attuale. Causa impercorribilità urbanistica e ambientali.

PROGRAMMI OPERATIVI SANITA'
2013-2015 
(ai sensi della legge 23 dicembre 2009, n. 191, art. 2, comma 88) : http://www.regione.lazio.it/binary/rl_sanita/tbl_normativa/Decr_U00480_06_12_2013_APPROVAZIONE_PO.pdf

Disqus for Bracciano Movimento 5 Stelle